Istituto Nazionale di Ottica del CNR

Logo Istituto nazionale di Ottica del CNR Sito web: www.ino.cnr.it

Conosci l'ente

L’Istituto Nazionale di Ottica (CNR-INO) lavora da oltre novant’anni nel vasto campo dell’ottica, aggiornando le sue attività in linea con le enormi innovazioni che hanno caratterizzato quest’area nel corso dell'ultimo secolo. Le sue attività principali includono ricerca pura e applicata, trasferimento tecnologico e formazione. CNR-INO è dotato di una propria rete di Trasferimento Tecnologico, che favorisce l’interazione tra Aziende e Ricercatori, e li supporta nella valorizzazione e protezione dei risultati della ricerca. CNR-INO è inoltre impegnato nel favorire i processi di trasferimento tecnologico sul territorio su 15 tematiche Industry 4.0 mediante la sua partecipazione nei percorsi di Alta Formazione sul Trasferimento Tecnologico (AFTTER/ORMA) finanziati dalla Regione Toscana, e nel costituendo CenTraTec (Centro di Trasferimento Tecnologico) presso l’Area della Ricerca del CNR di Firenze.

Che ruolo ha nel progetto PRISMA

In PRISMA sarà responsabile, sotto il coordinamento del Dr. Jacopo Catani, ricercatore Senior del CNR-INO, delle attività di formazione, dei progetti di R&S (ricerca e sperimentazione) sulle tecnologie emergenti e sul 5G. Dal punto di vista tecnologico, CNR-INO mette a disposizione del progetto le competenze sviluppate nell’ambito delle Comunicazioni Ottiche Wireless (OWC) e a Luce Visibile (VLC), in collaborazione con il laboratorio LATI e con il Laboratorio VisiCoRe, competenze su sensoristica pervasiva basata su tecnologie ottiche e optoelettroniche avanzate, e competenze al riguardo di comunicazioni ottiche in fibra ultra sicure basate su Distribuzione Quantistica di Chiave (QKD).
Le aree di specializzazione CNR-INO sono:

  • Tecnologie ottiche per IoT e Smart Factory & Community
  • Studio e realizzazione di sistemi ottici, elettro ottici e fotonici avanzati;
  • Sistemi avanzati di comunicazione ottica, classica e quantistica;
  • Sensori innovativi per i processi, i prodotti e l’ambiente.
Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina